Loading
Projects

Fame festival 2011

FAME FESTIVAL 2011

Fame Festival
Fame Festival. – Manifestazione di street art svoltasi in cinque edizioni, tra 2008 e 2012, nella cittadina pugliese di Grottaglie. Ideata e organizzata da Angelo Milano di Studio Cromie ha provocato, nei suoi cinque anni di attivit‡, notevole risalto mediatico, anche internazionale, ospitando alcuni tra i pi˘ celebri e conosciuti protagonisti dellíarte nello spazio pubblico. La pronuncia di ìFameî Ë alternativamente declinabile, e significativa, in italiano o in inglese, e in questo senso gi‡ sottintende parte dello spirito e della filosofia alla base del festival. F. nel 2008 si propone come iniziativa innovativa, una delle prime del genere in Italia, provocatoria ed antagonista. Líintento del suo fondatore Ë quello di ìrisvegliareî ed animare la coscienza di Grottaglie, proporre una situazione nuova in un contesto politico-sociale accartocciato su sÈ stesso, mettendo in luce le sue bellezze e lanciando un grido di allarme contro líamministrazione politica della citt‡ e la gestione della cosa pubblica. Le motivazioni del festival sono quindi prettamente politiche e prescindono qualsiasi utilizzo della street art quale strumento di abbellimento estetico, in un contesto gi‡ attraente e che non necessita di alcun tipo di azione riqualificante. In questo spirito risiede la novit‡ e la diversit‡ di F. rispetto alla maggioranza dei festival di street art contemporanei e successivi alla sua attuazione. Proprio la crescente ìfestivalizzazioneî in formato standard, unita ai consensi mediatici e persino politici raggiunti nelle ultime edizioni di F., e quindi alla perdita dellíopposizione originaria, costituisce la motivazione della chiusura del festival nel 2012, allíapice del suo successo. Ogni edizione di F., autofinanziata da Studio Cromie attraverso la vendita di serigrafie degli artisti partecipanti, prende luogo tra i muri dei vicoletti del centro storico, in particolare nel quartiere della celebre ceramica di Grottaglie, e sulle facciate delle palazzine, proponendo un calendario formato da una ventina di artisti ospitati nei mesi pi˘ caldi dellíanno e lasciati liberi di esprimersi a seconda delle loro sensazioni, spesso con interventi realizzati con la sola autorizzazione del proprietario dellíimmobile prescelto. Tale atteggiamento trova líiniziale ostilit‡ da parte dellíamministrazione, che durante la prima edizione fa cancellare un murale di Ericailcane rappresentante un gallo, simbolo della locale tradizione della ceramica. Uno dei temi di maggior critica alle autorit‡ del luogo riguarda líapertura di una discarica di rifiuti tossici poco distante dal paese, sul quale si esprimono alcune opere come quelle del brasiliano Nunca e di Blu, la cui emblematica sezione del terreno nelle forme di una torta da ìconsumareî Ë una delle immagini pi˘ popolari prodotte nelle varie edizioni del festival.

DSC_0279
DSC_0282
DSC_0275
DSC_0269
DSC_0252
DSC_0248
DSC_0250
DSC_0241
DSC_0240
DSC_0222
DSC_0231
DSC_0215
DSC_0214
DSC_0205
DSC_0202
DSC_0182
DSC_0185
DSC_0175
DSC_0172
DSC_0170
DSC_0168
DSC_0165
DSC_0160
DSC_0161
DSC_0137
DSC_0134
DSC_0133
DSC_0132
DSC_0130
DSC_0128
DSC_0125
DSC_0124
DSC_0116
DSC_0117
DSC_0115
DSC_0114
DSC_0113
DSC_0112
DSC_0111
DSC_0110
DSC_0100
DSC_0104
DSC_0095
DSC_0094
DSC_0093
DSC_0091
DSC_0092
DSC_0090
DSC_0089
DSC_0088
DSC_0087
DSC_0086
DSC_0085
DSC_0084
DSC_0083
DSC_0071
DSC_0080
DSC_0070
DSC_0069
DSC_0068
DSC_0065
DSC_0064
DSC_0063
DSC_0062
DSC_0061
DSC_0060
DSC_0059
DSC_0056
DSC_0057
DSC_0055
DSC_0054
DSC_0053
DSC_0051
DSC_0050
DSC_0049
DSC_0048
DSC_0046
DSC_0045
DSC_0043
DSC_0044
DSC_0036
DSC_0033
DSC_0030
DSC_0029
DSC_0028